Search here...
TOP
Blog Libri

Se mi guardo da fuori, Righetti

Teresa Righetti
Casa Editrice: DeA

Ho l’impressione di essere invisibile. Che tutti stiano giocando nel loro ruolo in un modo impeccabile mentre io sto in panchina” 


Serena ha solo venticinque anni, una laurea in arrivo e nessun sogno nel cassetto.
Ogni giorno si sente sempre più rinchiusa in se stessa, in un mondo che non fa altro che analizzare da ogni prospettiva. Si sente invisibile, mentre passeggia per strada, dove i sorrisi della gente la rendono ancora meno sicura. Una vita di insicurezze che non fanno altro che metterle continui dubbi nelle sue giornate. Con l’aiuto di un’amica trova lavoro al Chiosco, un locale di Milano molto popolato, dove la gente va e viene. È come trovarsi in una grande famiglia, tra risate, problemi e personaggi un po’ bizzarri, ma nonostante tutto Serena continua a sentirsi inesistente. Tutti passano davanti al Chiosco, ma lei non riesce a vedersi e a farsi vedere.

Questo fino a quando la sua strada non si incrocia con quella di Leo, un cliente abituale del locale. Lui, con il suo sorriso perfetto e quel fare da spavaldo, riesce a conquistarla a piccoli passi. Serena dalla vita non cerca l’amore, ma solo quell’abbraccio sincero in grado di farle gridare al mondo “io esisto”. Tra Leo e Serena non mancheranno le risate. Ma fare da sfondo alla loro storia saranno le discussioni continue, perché dietro l’espressione semplice e tranquilla di lui, si nasconde un grande dolore che non farà altro che riportarli al punto di partenza.


Quando mi sono approcciata a questo libro, qualche anno fa, sono rimasta affascinata da subito, dalla trama, e dalla copertina che si incastrava alla perfezione con le parole dell’autrice.

Teresa Righetti ti sbatte in faccia un mondo di riflessioni con le sue parole, con quelle pagine che si susseguono a ritmo forte e mai scontato. Nella semplicità della storia, non sono riuscita a fare a meno di innamorarmi di ogni singolo dettaglio e della strepitosa scrittura. Leggi, ma in realtà sei all’interno di quella storia senza capire più dove finisce la realtà e dove inizia il racconto.

Il personaggio di Serena è introspettivo e ti costringe a porti davanti ad uno specchio, a riflettere su quello che sei realmente. Nonostante le riflessioni e il gioco interiore della protagonista, l’autrice alleggerisce i passaggi attraverso l’ironia, senza mai interrompere quel filo conduttore che ti porta a mangiare una pagina dietro l’altra. La storia di Serena, non è uno di quei romanzi che dimentichi, no, Se mi guardo da fuori è una di quelle storie che ti si incastra dentro, che ti resta negli occhi per impregnare l’animo.

Leggi, non solo per la curiosità di scoprire il finale, leggi perché vuoi sapere quanto oltre si spingerà la protagonista. Lo stile dell’autrice è qualcosa che non si può non apprezzare. Ha la capacità di portarti su quella panchina, davanti al Chiosco, a guardare e commentare la gente passare.

Teresa Righetti, attraverso questo romanzo, ci insegna che l’apparenza spesso inganna, che dietro un sorriso può nascondersi troppo dolore e che non bisogna mai cambiare per qualcuno, perché ci sarà sempre quella persona pronta ad accettarci e a volerci per ciò che davvero siamo. 

Ci siamo stretti in un nodo che non riusciamo più a sciogliere”.

«

»

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *